Lasciare che i bambini si muovano in classe non limita l’apprendimento. Anzi, lo stimola

  • Posted on:  Mercoledì, 14 Novembre 2018 10:37
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il movimento è apprendimento Il movimento è apprendimento ischool.startupitalia.eu

di ischool.startupitalia.eu

Se agli studenti a lezione viene permesso di utilizzare il proprio corpo per esplorare i concetti matematici e di alfabetizzazione, i loro cervelli saranno più stimolati all’apprendimento

«L’istruzione impegna gli studenti intellettualmente, emotivamente e fisicamente. Abbiamo percorso una lunga strada per comprendere al meglio come sviluppare le giovani menti. Eppure, nonostante la ricerca che dimostra i benefici duraturi del gioco, ancora troppe nostre aule rimangono luoghi silenziosi, prive di qualsiasi elemento di motricità fisica».

Parola di Aleta Margolis, fondatrice e direttrice esecutiva del Center for Inspired Teaching, organizzazione no-profit di Washington che lavora con insegnanti, presidi e interi plessi scolastici per favorire le migliori pratiche di insegnamento. Il movimento, spiega Margolis, va integrato nelle lezioni per renderlo parte dell’apprendimento: «Il tempo per giocare liberamente costruisce i sistemi di bilanciamento dei ragazzi, ma abbiamo anche bisogno di sottolineare il ruolo importante che il movimento fisico può e deve svolgere all’interno della classe. Impariamo a creare lezioni in cui gli studenti usano i loro corpi per esplorare i concetti matematici e di alfabetizzazione, i loro cervelli saranno più stimolati all’apprendimento» spiega.

Il movimento è apprendimento
La direttrice del Center for Inspired Teaching fa alcuni esempi di apprendimento legati al movimento. Immaginiamo che un insegnante, dopo una serie di esercizi ginnici, chieda ai suoi studenti di misurare le pulsazioni e il respiro e quindi di creare grafici per visualizzare questi risultati. Oppure che un altro insegnante disegni una grande mappa della città in cui vivono i ragazzi con del nastro adesivo sul pavimento della classe, e chieda poi agli studenti di tracciare la geografia della città a piedi da e verso i siti storici più importanti. Due modi, molto facili da realizzare, per stimolare la conoscenza dei ragazzi. Questi semplici esempi sono la dimostrazione che il movimento è apprendimento, e che le opportunità per l’esplorazione in classe sono infinite. «Invitare gli studenti a partecipare fisicamente può sembrare come invitarli al caos – spiega però Margolis – ed è fondamentale far riconoscere agli studenti che partecipare fisicamente significa lavorare come quando si è seduti all’ascolto».

Leggi tutto l'articolo ischool.startupitalia.eu

Letto 2129 volte

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Approvo