La dispersione scolastica si evita a 9 anni, lavorando sulle emozioni

  • Posted on:  Lunedì, 04 Febbraio 2019 14:31
Vota questo articolo
(0 Voti)

di Sara De Carli

Frequenza200 - la rete di organizzazioni attive nel contrasto della dispersione scolastica attraverso un modello educativo creata da WeWorld - pubblica i risultati di un ricerca-azione svolta a Torino e Milano. Fra gli elementi predittivi dell'abbandono scolastico che sono stati individuati non ci sono i risultati Invalsi ma le difficoltà di apprendimento, di comportamento, relazionali. Per questo il modello efficace è precoce e mirato sugli aspetti emotivi

Nel 2014, i minori in condizioni di povertà assoluta erano 1.045.000: significa che Italia vive in povertà assoluta un minore su dieci. Ma accanto alla povertà economica esiste anche un’altra povertà, che colpisce in maniera specifica i bambini e i ragazzi, fino'ora poco considerata: la povertà educativa. La povertà economica cioè spesso porta con sé porte che si chiudono o che nemmeno si aprono: l’impossibilità per un bambino di avere a disposizione quanto gli serve per apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente le sue capacità, talenti e aspirazioni. Per la prima volta l’Italia affronta nello specifico questo problema, con il Fondo contro la povertà educativa minorile, creato con la legge di Stabilità 2016, finanziato dalle Fondazioni bancarie: a disposizione ci sono 120,2 milioni di euro, anche un po’ più di quanto si pensava, con 72 fondazioni aderenti. A giorni saranno pubblicati i bandi (riferimento sarà il sito www.conibambini.org).

Il problema della povertà educativa non coincide con quello della dispersione scolastica, eppure la scuola è un luogo importante nel quadro, sia perché l’unico vero fattore protettivo contro l’esclusione sociale è l’istruzione sia perché tutte le competenze acquisite fuori dalla scuola hanno bisogno di essere valorizzate dentro la scuola, per dare efettivamente ai ragazzi “a rischio di abbandono” una nuova autostima e un senso di appartenenza alla scuola. Per questo fra le otto proposte che Vita prima dell’estate aveva affidato al neo-insediatosi Comitato di Indirizzo Strategico posto a governance del Fondo (che in questi mesi ha scritto i bandi), c’era anche l’auspicio che il bando non si rivolgesse alle scuole ma al terzo settore e tuttavia prevedesse il coinvolgimento di almeno una scuola, poiché il contrasto alla povertà educativa si gioca fuori e dentro la scuola, creando un ponte di innovazione tra questi due mondi.

Ora, alla vigilia della presentazione dei bandi, attesi davvero a breve (un articolo pubblicato su www.acri.it ne anticipa comunque le scelte strategiche), Frequenza200, ideata e coordinata da WeWorld, ci consegna le prove che esistono delle macro-condizioni predittive della dispersione scolastica e che agendo su di esse già a partire dalla scuola primaria è possibile ottenere un impatto più efficace sulla prevenzione dell’abbandono della scuola. L’indagine si chiama “SURVIVED” ed è stata avviata nel 2015 a Torino e a Milano con il coinvolgimento di ASAI e L’Impronta (partner progettuali) e gli Istituti Comprensivi Regio Parco di Torino e Ilaria Alpi di Milano (partner istituzionali e progettuali). «L’obiettivo era dimostrare come l’intervento precoce su aspetti emozionali e relazionali, in bambini e bambine di 9 anni, frequentanti le classi quarte della scuola primaria, potesse diventare elemento concreto di prevenzione della dispersione scolastica e della povertà educativa. Intervenendo precocemente si ottengono risultati che in prospettiva richiedono meno investimenti e minori interventi di contrasto all’abbandono scolastico e quindi alla povertà educativa», spiega Stefano Piziali, Head of Advocacy di WeWorld. Quindi molto molto prima di quel passaggio fra le medie e le superiori in cui spesso i problemi esplodono, con quelle bocciatura che danno avvio a un percorso di progressivo allontanamento dalla scuola.

Leggi tutto l'articolo www.vita.it

Letto 842 volte

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Approvo

Modello Educativo

Maestri d'Arte per l'Infanzia Milano

Libri e Manuali

PENSARE oltre libri e manuali

Tutorial

Pensare oltre tutorial dislessia

Rubriche

PENSARE oltre Rubriche